Comune di Ferrara

lunedì, 15 agosto 2022.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Teatro, musica e riflessioni per festeggiare con l'associazione Aidus '5 anni di inclusione' fra la comunità sorda e quella udente

POLITICHE SOCIALI - Sabato 18 giugno 2022 dalle 9,30 alle 18,30, alla Sala Estense. Evento a ingresso gratuito

Teatro, musica e riflessioni per festeggiare con l'associazione Aidus '5 anni di inclusione' fra la comunità sorda e quella udente

15-06-2022 / Giorno per giorno

Un'intera giornata, sabato 18 giugno 2022 dalle 9,30 alle 18,30, alla Sala Estense, fra teatro, musica e approfondimenti per raccontare "5 anni di inclusione". Ossia quelli dedicati, dal 2017 ad oggi, dall'Aidus (Associazione per l'Inclusione di Udenti e Sordi) di Ferrara ad attività per abbattere le barriere tra la cultura sorda e quella udente. Il programma dell'iniziativa, patrocinata dal Comune di Ferrara e a ingresso gratuito, è stato presentato oggi in conferenza stampa dall'assessore comunale alle Politiche sociali Cristina Coletti e dalla vicepresidente di Aidus Evisa Rami, assieme ai soci fondatori di Aidus Tommaso Guglielmi, Marco Tassani e Serena Longo.

"Aidus - ha spiegato l'assessore Coletti - è una realtà associativa fondata nel 2017 che si appresta a festeggiare il suo quinto anno di attività con una giornata speciale, ricca di appuntamenti e incontri, alla Sala Estense. Con il patrocinio a questa iniziativa l'Amministrazione comunale vuole rimarcare la propria vicinanza alle persone che quotidianamente si trovano ad affrontare i disagi legati alla sordità e che, attraverso attività come quelle messe in campo da Aidus, fanno di tutto per vivere una vita normale. Grande apprezzamento da parte dell'Amministrazione va alle attività delle associazioni come questa che svolgono un'importante funzione sociale e culturale,  avvalendosi di professionisti capaci e competenti e di volontari con grande spirito di iniziativa".

"Aidus - ha confermato Evisa Rami - opera per cercare di promuovere una vera unione fra la comunità degli udenti e quella dei sordi, attraverso la reciproca conoscenza e integrazione. Il programma di sabato 18 è molto ricco, con momenti di spettacolo, di musica, buskers e approfondimento".

Tra le performance in programma, anche quella della violoncellista sorda Giulia Mazza e lo spettacolo "Figlio cornuto" della Compagnia Colapesce di Messina, composta interamente da attori sordi che utilizzano la LIS.

"L'evento di sabato - ha precisato Marco Tassani - sarà interamente in lingua dei segni, con interprete che tradurrà simultaneamente. Inoltre avremo i sottotitoli proiettati in tempo reale e utilizzeremo un ripetitore magnetico che manderà la voce dell'interprete alle protesi acustiche o impianti cocleari in un canale dedicato, per permettere a tutti di assistere nel migliore dei modi ai vari momenti della giornata. L'evento sarà accessibile a tutti anche sul piano economico, poiché sarà interamente gratuito".  

LA SCHEDA a cura degli organizzatori

Nata a Ferrara il 18 maggio 2017, AIDUS (Associazione per l'Inclusione di Udenti e Sordi) si propone di abbattere quelle barriere della società che limitano l'interazione tra la cultura sorda e quella udente. Per festeggiare il quinto anno di attività sul territorio, AIDUS dedicherà una giornata, con il Patrocinio del Comune di Ferrara, alle esperienze del teatro accessibile, con una serie di esibizioni e due talk per la riflessione e il confronto tra vari professionisti del settore.

Si comincia alle ore 9.30, con la presentazione dei progetti svolti in questi anni in tutti gli ambiti nei quali è stata importante fornire accessibilità, dalla scuola al lavoro, all'assistenza sanitaria e alle attività culturali.

Alle ore 10.30 si esibirà la violoncellista sorda Giulia Mazza, che parlerà anche del suo percorso artistico e di come la musicoterapia sia stata uno strumento potente per non arrendersi all'isolamento della sordità profonda.

Seguirà alle ore 11.00 lo spettacolo "Figlio cornuto" della Compagnia Colapesce di Messina, un ensemble  interamente composto da attori sordi che utilizzano la LIS - Lingua dei Segni Italiana - come mezzo comunicativo ed espressivo, sotto la direzione artistica di Salvatore Munafò.

Dalle ore 11.30 alle ore 12.30 si svolgerà il talk dal titolo "Teatro accessibile: in che senso?" che vedrà la partecipazione di Alessandra Marigonda, fondatrice e direttrice del coro Mani di Luce Veneto, Dario Pasquarella, regista teatrale, drammaturgo e attore del progetto Arte&Mani - un teatro di ricerca sordo in cui la LIS e la Lingua Italiana partecipano alla pari e sono utilizzate con uno stesso registro linguistico - Valeria La Corte fondatrice e vicepresidente dell'Associazione Fedora -  che si occupa di sensibilizzazione alla LIS e di creazione e sviluppo di eventi culturali accessibili - e Diana Anselmo, performer visiva di Al.di.qua - acronimo di ALternative DIsability QUAlity Artists, prima associazione italiana di e per artisti e lavoratori dello spettacolo con disabilità.

La moderazione dei talk è stata affidata a Stefano Colli, cantante, musicista e attore di musical, che ha incontrato AIDUS partecipando alla prima edizione del Buskers Deaf Tour, il progetto che ha visto le esibizioni sia di artisti sordi che di artisti udenti impegnati nella produzione di spettacoli accessibili.

Nel pomeriggio, alle ore 15.30 si riprende con il monologo di Salvatore Munafò "Io Diverso?" e dalle ore 15.45 alle ore 18.00 si svolgerà la tavola rotonda "Creazione e produzione di un teatro accessibile", sempre con la partecipazione di Alessandra Marigonda (Mani di Luce Veneto), Dario Pasquarella (Associazione Arte&Mani), Valeria La Corte (Associazione Fedora), Diana Anselmo (Ass. Al.di.qua), Salvatore Munafò (Compagnia teatrale Colapesce) e moderata da Stefano Colli.

In chiusura, alle ore 18.00 sul palco sarà la volta de "Il colore delle emozioni", tratta dal testo omonimo di Ana Llena e parte del Buskers Deaf Kids, un progetto di AIDUS dedicato al pubblico dei più piccoli attraverso la narrazione di favole in LIS.

Tutta la giornata è pensata in modo da esplorare i vari aspetti dell'accessibilità nelle sue declinazioni in ambito teatrale e performativo e la sfida di AIDUS è quella di garantire a tutti la comprensione sia delle parti in italiano che di quelle in LIS, attraverso i vari strumenti disponibili come interpretariato, sottotitolazione e il sistema a induzione magnetica per chi è dotato di protesi acustica o impianto cocleare.

 

Immagini scaricabili:

Locandina Aidus aidus 15giu2022_1 aidus 15giu2022_2 aidus 15giu2022_3 aidus rid