Comune di Ferrara

mercoledì, 10 agosto 2022.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Covid, 11 progetti per il contrasto alle disuguaglianze

POLITICHE SOCIALI - Oltre 180mila euro investiti, l'assessore Coletti: "Nuove risposte nella lotta alle fragilità"

Covid, 11 progetti per il contrasto alle disuguaglianze

24-06-2022 / Giorno per giorno

Prosegue l'impegno dell'assessorato alle Politiche sociali nel sostegno alle realtà associative attive nel contrasto alle disuguaglianze e alle fragilità generate dall'emergenza Covid.

Sono undici i progetti, promossi nell'ambito di uno specifico avviso pubblico da 180.627 euro messo in campo dal Comune di Ferrara, su indicazione dell'assessore alle Politiche sociali Cristina Coletti, con lo scopo di finanziare azioni volte alla ripresa sociale post pandemia.

Le iniziative messe in campo prevedono, tra le altre, sportelli di incontro e utilizzo della comunicazione aumentativa per superare le difficoltà relazionali, azioni per l'inserimento delle madri disoccupate, aiuti alle famiglie nella conciliazione dei tempi di lavoro e di cura, la creazione di luoghi e situazioni per il contrasto alla solitudine, attività ricreative contro l'isolamento e per l'inclusione.

"L'emergenza sanitaria - ha spiegato l'assessore Cristina Coletti - ha avuto un impatto molto forte sulle fasce più deboli della cittadinanza, acuendo alcune problematiche sociali esistenti. Già nel 2021 avevamo dato risposte assegnando contributi, ma quest'anno abbiamo voluto incrementare i fondi con ulteriori 60mila euro dando più peso nella valutazione alle progettualità le cui azioni sono maggiormente incardinate sul contrasto delle conseguenze lasciate dal Covid. La risposta che c'è stata - ha concluso l'assessore - ha superato le aspettative, segno che il tessuto sociale cittadino è forte, gli enti che operano in questo settore molto preparati e a tutti loro va il grazie e il costante sostegno dell'Amministrazione comunale per quanto sanno proporre e fare in modo innovativo".
Gli Enti del Terzo Settore, imprese sociali e cooperative sociali operanti sul territorio del Distretto Centro Nord aderenti al bando sono stati 24; sono 11, invece, i soggetti che sono risultati aggiudicatari di fondi a seguito della graduatoria stilata dall'apposita commissione di valutazione. I finanziamenti serviranno a sostenere i seguenti progetti:

ECCO NEL DETTAGLIO I PROGETTI

1 - il progetto "Baratto" dell'associazione Dalla Terra alla Luna, che si pone con lo scopo di far uscire dall'isolamento ragazzi con DSA, sfruttando come punto di forza le capacità individuali degli stessi. Inoltre, questa progettualità inserisce nel mondo del lavoro 2 madri rimaste disoccupate a causa dell'incompatibilità di conciliare i tempi di lavoro e cura famigliare. Il contributo riconosciuto è di 17.618 euro;

2 - la proposta di Cedis, denominata "Qui - Solidarietà al centro e in paese", si fonda sulla doppia attività di supporto alle persone con sportelli di incontro per contrastare la povertà relazionale e sul "Negozio al contrario", un luogo in cui raccogliere beni di prima necessità per i più bisognosi. Il contributo elargito è di 20mila euro;

3 - con "Anch'io conosco bene e comunico bene: la C.A.A. al servizio della comunità" il CSI mira a coinvolgere e valorizzare persone in condizioni di disagio facendole superare gli ostacoli attraverso l'utilizzo dello strumento comunicativo della Comunicazione Aumentativa e Alternativa. A questa progettualità sono stati assegnati 11.277 euro;

4 - "Il Mantello della porta accanto" è il titolo dell'iniziativa con la quale l'associazione Il Mantello intende indirizzare i soggetti fragili verso una progressiva riduzione dei bisogni assistenziali con l'apertura di uno sportello per la gestione delle pratiche più comuni nella vita quotidiana. Il finanziamento accordato è di 20mila euro;

5 - nel progetto "Alimentare la vita: cibo e cucina strumenti per includere" proposto dall'associazione Dives, il cibo e la cucina diventano strumento e luogo attraverso i quali superare l'esclusione sociale, fare inserimento lavorativo, educare e sviluppare adeguate conoscenze per temi attuali come la lotta allo spreco alimentare. Il contributo è di 20mila euro;

6 - l'associazione Agevolando, con il progetto "Verso l'autonomia - Integrazione sociale dei Care Leavers" si rivolge a tutti quei ragazzi in uscita dai percorsi di accoglienza e tutela dopo un'infanzia trascorsa in comunità o in affido. Questo progetto, a cui vengono riconosciuti 12.360 euro, indirizza i giovani verso il raggiungimento della propria autonomia;

7 - si chiama "Intorno a noi c'è movimento" la progettualità di L'Umana Avventura, il cui intento è creare luoghi di incontro per contrastare solitudine, disagio di singoli e famiglie in condizioni di svantaggio socioeconomico e per questo a rischio marginalità. Il finanziamento è di 20mila euro;

8 - nel progetto "Tu, amico compagno" l'associazione I Belong mira a implementare la relazione educativa fra minori dopo l'interruzione delle stesse causata dall'emergenza sanitaria. Il contributo è di 11.720 euro;

9 - "Summer Together" messo in campo da Anffas nasce con la necessità di contrastare, tramite l'organizzazione di attività ludico-creative, l'isolamento delle persone con disabilità. A questa proposta sono stati riconosciuti 17.752 euro;

10 - favorire lo scambio intergenerazionale e aiutare le famiglie nella conciliazione dei tempi di lavoro e cura è il doppio binario su cui viaggia il progetto "FR.A.C.! Frazioni attrici di comunità", ideato da Cidas. La cooperativa si è vista riconoscere un finanziamento di 20mila euro;

11 - recuperare l'autonomia ed evitare l'isolamento delle persone con disabilità attuando azioni di contrasto alla solitudine offrendo opportunità fuori dalle famiglie e sollevando i caregiver. Con il progetto "Volare", l'associazione Lo Specchio si è aggiudicata un contributo di 9.900 euro.

Immagini scaricabili: