Comune di Ferrara

domenica, 14 agosto 2022.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Nuovo contratto di servizio di Asp: prende corpo l'Organismo tecnico permanente per il monitoraggio delle attività

POLTICHE SOCIALI - Assessore Coletti: "l'istituzione di questo braccio tecnico consentirà un innalzamento della qualità delle prestazioni fornite dai servizi sociali". Previsti anche nuovi progetti per minori, famiglie e caregivers

Nuovo contratto di servizio di Asp: prende corpo l'Organismo tecnico permanente per il monitoraggio delle attività

27-07-2022 / Giorno per giorno

Con l'approvazione della Giunta comunale alla delibera presentata dall'assessore alle Politiche sociali Cristina Coletti, prende corpo l'Organismo tecnico permanente che fa seguito all'entrata in vigore del nuovo contratto di servizio di Asp avvenuta lo scorso 1 luglio. La costituzione di tale organismo rappresenta una delle principali novità volute dall'Amministrazione comunale nel nuovo accordo sul welfare e si occuperà di monitorare l'adempimento degli obblighi contrattuali, con funzioni di accompagnamento al processo di monitoraggio e valutazione, presentando periodicamente agli amministratori di riferimento l'apposita reportistica.

"La complessità - ha spiegato l'assessore Coletti - del quadro economico e sociale in costante evoluzione impone di tenere un livello di guardia sempre più alto sul sistema sociale cittadino, al fine di individuare gli interventi più efficaci in correlazione al periodo che stiamo attraversando. L'istituzione di questo braccio tecnico, che abbiamo fortemente voluto strutturare nel contratto di servizio, consentirà un innalzamento della qualità delle prestazioni fornite dai servizi sociali, tramite un monitoraggio costante che incrocia la valutazione del lavoro svolto con le esigenze delle fasce più fragili della popolazione. Il compito dell'Organismo sarà prezioso perché permetterà di mettere a sistema azioni sempre più rispondenti e puntuali".

L'Organismo tecnico è composto dai rappresentanti degli Enti sottoscrittori il contratto di servizio, ovvero i Comuni dell'Associazione Terre Estensi con Ferrara (capofila), Masi Torello e Voghiera, Ausl e Asp.

Nella gestione dei servizi sociali tuttavia le novità non terminano qui. Come annuncia Coletti "i 7,5 milioni di euro investiti annualmente sono il chiaro segno di un'Amministrazione che ha l'obiettivo di salvaguardare il benessere sociale dei cittadini fragili in ogni fascia d'età. Lo scopo è non lasciare indietro nessuno, minori compresi sui quali sta aumentando l'impegno, attraverso l'adozione di nuovi progetti e la costituzione di organismi specializzati, volti alla loro tutela. In tutto questo, non va tralasciato il fatto che Ferrara può contare su professionisti competenti e su un rapporto fra numero di assistenti sociali e numero di residenti che è di 1 ogni 3606, mentre la legge nazionale prevede che ci sia 1 assistente sociale ogni 5mila residenti".

Nel nuovo contratto per il servizio minori sono stati determinati: progettualità individualizzate per bambini e ragazzi in difficoltà; interventi a sostegno della genitorialità; interventi di trasporto per ragazzi con disabilità; interventi di sostegno economico; interventi di emergenza assistenziale anche residenziale; progetti di tutela e protezione su mandato dell'autorità giudiziaria; preparazione e sostegno per progetti di affido e adozione. Fra queste azioni rientra anche l'affiancamento alle equipe di primo livello per i minori, già presenti in ogni distretto, di un'equipe di secondo livello sovradistrettuale, il cui compito è dare ausilio alle situazioni più complesse e operante secondo i principi del diritto universale del fanciullo.

Per dare ulteriori risposte il distretto Centro Nord, di cui Ferrara è capofila, ha aderito anche al programma ministeriale PIPPI per il sostegno alle famiglie vulnerabili. Ma non solo, perché parte delle risorse stanziate sul Fondo Sociale Locale 2021 sono specificamente destinate ad interventi di supporto per minori e famiglie in percentuale maggiore rispetto a quella richiesta sulla quota di risorse statali.

Per la prima volta in assoluto, il Comune ha inoltre attivato e finanziato progettualità dedicate ai giovani caregiver e nell'anno corrente Ferrara si è candidata alla progettazione nell'ambito del progetto Care Leavers rivolto all'accompagnamento dei minori verso un percorso di autonomia. Fra le novità del contratto di servizio c'è anche una maggiore interattività con l'utenza, tramite un sistema di indagini di customer satisfaction.

 

Immagini scaricabili:

coletti sala arengo