Comune di Ferrara

giovedì, 29 settembre 2022.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Ferrara in Jazz 2022 - 23: pronta la nuova stagione del Torrione

CULTURA - Presentata in Comune da organizzatori e ass. Marco Gulinelli la XXIV Edizione dal 30 settembre 2022 al 30 aprile 2023

Ferrara in Jazz 2022 - 23: pronta la nuova stagione del Torrione

19-09-2022 / Giorno per giorno

Con il sostegno di Ministero della Cultura, Regione Emilia-Romagna, Comune di Ferrara e la partnership di Endas Emilia-Romagna, Jazz Italian Platform e Italia Jazz Club 

JAZZER powered by HERA presenta: Ferrara in Jazz 2022 - 2023

XXIV Edizione 30 settembre 2022 - 30 aprile 2023

(Comunicazione a cura del Jazz Club Ferrara) 

Dal 30 settembre, con Ferrara in jazz, il Torrione San Giovanni torna ad ospitare stelle della musica e giovani talenti per sette mesi di programmazione, con oltre 80 concerti, didattica, jam sessions, esposizioni e visite guidate. Ogni singolo appuntamento sarà fruibile fino a fine aprile 2023 nel prestigioso contenitore culturale, bastione rinascimentale inscritto nella lunga lista dei beni UNESCO e location per il cinema di Emilia-Romagna Film Commission.

La prestigiosa rassegna, giunta alla ventiquattresima edizione, è realizzata con il sostegno del Ministero della Cultura, della Regione Emilia-Romagna, del Comune di Ferrara e la partnership di Endas Emilia-Romagna, JazzER powered by Hera, Jazz Italian Platform e Italia Jazz Club, oltre al supporto di numerosi partner privati.

Alla conferenza stampa di presentazione svoltasi in residenza municipale lunedì 19 settembre 2022 sono intervenuti Marco Gulinelli Assessore alla Cultura, Monumenti storici e Civiltà ferrarese del Comune di Ferrara, Federico D'Anneo Presidente dell'associazione culturale Jazz Club Ferrara, Francesco Bettini ed Eleonora Sole Travagli direttore artistico e responsabile comunicazione del Jazz Club Ferrara, insieme a rappresentanti del Conservatorio Frescobaldi di Ferrara. Nell'occasione è stato diffuso un video messaggio con il saluto di Mauro Felicori, assessore alla cultura e paesaggio della Regione Emilia-Romagna (link al video).

Il palinsesto è un autentico viaggio musicale intorno al mondo che spazia tra tradizione e attualità con l'intento di promuovere la conoscenza ed i valori che contraddistinguono un linguaggio musicale sempre più trasversale e in continua evoluzione. Le proposte d'ascolto sono distribuite su tre serate alla settimana - dal venerdì alla domenica - due delle quali spesso gratuite per i soci under 30.

Da ottobre a dicembre il pubblico del Jazz Club Ferrara potrà così godere di circa 40 appuntamenti (altrettanti sono previsti nella seconda parte di stagione), molti dei quali fruibili anche in modalità streaming, che coinvolgono oltre 100 artisti del calibro di Billy Hart, Roberto Gatto, Mark Turner, Fabrizio Bosso, Larry Grenadier, Florian Arbenz, Pablo Held, João Bosco, Joe Locke, Rosario Giuliani, Kevin Hays, Aaron Parks, Joey Baron, Pietro Tonolo, Joel Ross, Joe Chambers, Dave Kikoski, Mary Halvorson, Ethan Iverson, Nduduzo Makhathini, Edmar Castaneda, Grégoire Maret e moltissimi altri.

Un'edizione di queste proporzioni sarebbe impensabile senza il network di prestigiose collaborazioni, in primis con JazzER avviato insieme a Bologna Jazz Festival e Crossroads - Jazz e altro in Emilia-Romagna, ma anche quelle con Istantanea, Seven Virtual Jazz Club, Conservatorio "G. Frescobaldi" e Scuola di musica moderna. Il programma della seconda parte di stagione (gennaio-aprile) ed il calendario di visite guidate saranno presentati in altra sede.

 

Addentrandoci nel fitto calendario tracciamo un itinerario USA/ITA partendo da un'icona della storia del jazz sulla cresta dell'onda da oltre cinquant'anni, il batterista Billy Hart che si esibirà in quartetto, sabato 4 ottobre, con Mark Turner al sassofono, Ethan Iverson al pianoforte e Ben Street al contrabbasso, per poi tornare in novembre (sabato 12) al fianco, nuovamente di Ben Street e di Kevin Hays al pianoforte. Sabato 15/10 approda sul palco del Torrione la musica del trombettista russo Alex Sipiagin, a pieno diritto nella stretta cerchia dei world jazz top players, che si esibirà corroborato dal sax di Rosario Giuliani. Ritroveremo Giuliani in Connection, quartetto stellare che lo vede al fianco del trombettista Fabrizio Bosso, con Alberto Gurrisi all'organo e Marco Valeri alla batteria (18/11). Di taglio contemporaneo è l'impasto sonoro materico, tortuoso e costantemente in movimento di Thumbscrew, trio ai vertici della scena downtown newyorchese che sancisce il ritorno al Torrione della chitarrista Mary Halvorson con Michael Formanek al contrabbasso e Thomas Fujiwara alla batteria (sabato 22/10). Novembre è caratterizzato da Good Vibes, progetto del vibrafonista Joel Ross che ha già fatto parlare di sé, sia come leader sia in qualità di compositore, mettendo a segno tre apprezzati album editi da Blue Note Records (4/11); dalla presentazione di Return From The Stars, nuovo lavoro edito da ECM del quartetto guidato dal sassofonista Mark Turner, oggi nel pieno della maturità artistica (5/11); dal mix di jazz, pop, elettronica e R&B, forte della cangiante e sempre ispirata penna del pianista Aaron Parks & Little Big (11/11). A fine novembre (26/11) ritroviamo poi l'imprevedibile alternanza al vibrafono e batteria di Joe Chambers e Jorge Rossy, nel più che rodato quartetto Passport completato da Pietro Tonolo (sassofoni) e Marc Abrams (contrabbasso). Ad aprire dicembre sono le scorribande della band guidata dal batterista capitolino Roberto Gatto, completata da Alessandro Presti alla tromba, Alessandro Lanzoni al pianoforte e Matteo Bortone al contrabbasso (3/12), anticipate, venerdì 2 dicembre, dal Luca Perciballi Organic Gestures Trio che presenterà Approximately Grids With A Plan, suo disco d'esordio. Al secondo episodio discografico è giunta invece la sassofonista e compositrice Giulia Barba che, venerdì 9 dicembre, presenterà il suo "Sonoro". Sabato 17/12 ritroviamo la straripante energia unita alla personalissima rilettura dell'universo del jazz moderno di Dave Kikoski. Il pianista si esibirà in trio con Darryl Hall al contrabbasso e Jason Brown alla batteria. Precede, infine, la pausa natalizia il concerto del duo formato da un fuori classe del contrabbasso come Larry Grenadier (già con Brad Melhdau e Charles Lloyd) e dalla voce di Rebecca Martin (lunedì 19 dicembre).

 

Il nostro viaggio musicale prosegue in EUROPA con il trio formato da Hermon Mehari (tromba), Nelson Veras (chitarra) e Florian Arbenz (batteria e percussioni). Quest'ultimo, fondatore dell'acclamato trio Vein, ha concentrato la propria attività in produzioni per piccoli organici sotto la sigla Conversation ed il sodalizio con Veras e Mehari rappresenta di fatto la prima e più rodata incarnazione di questo percorso (sabato 1/10). Segue, sabato 8 ottobre, Amaranth, quartetto di recente formazione che riunisce due apprezzatissimi musicisti mitteleuropei come Jaka Kopach (sax alto) e Vladimir Kostadinovic (batteria) a due fuori classe statunitensi quali Joe Locke (vibrafono) e Ameen Saleem (contrabbasso), impegnati in un repertorio di composizioni e arrangiamenti originali che portano la firma di tutti i componenti. Chiude il mese di ottobre (29/10 in collaborazione con BJF) MiXMONK, l'originale omaggio alla musica di Thelonious Monk realizzato da Robin Verheyen (sassofoni) e Bram De Looze (pianoforte), due dei musicisti più interessanti della scena contemporanea del jazz belga, affiancati dal leggendario batterista Joey Baron. Sabato 10 dicembre è poi la volta di una delle poche unità simbiotiche della storia recente del piano trio, quella del pianista Pablo Held, completata da Robert Landfermann al contrabbasso e Jonas Burgwinkel alla batteria. Non sorprende infatti che li abbia scelti per incidere un mostro sacro come John Scofield.

In questo contesto si inscrivono anche i due appuntamenti realizzati in collaborazione con Seven Virtual Jazz Club, il contest internazionale online che porta al Torrione alcuni dei vincitori dell'edizione appena conclusa: quest'anno potremo infatti ascoltare dal vivo la giovane armonicista israeliana, di base a Berlino, Ariel Bart che presenterà In Between, suo disco d'esordio, e la musica del contrabbassista Misha Mullov-Abbado in cui convivono in assoluta armonia Brahms, Stravinsky e Bartok con Bill Frisell, Avishai Cohen, Stevie Wonder e gli Earth Wind & Fire. Rispettivamente il 25 novembre ed il 16 dicembre 2022.

 

Concludiamo il nostro ideale itinerario musicale tra BRASILE, COLOMBIA ed AFRICA con delle chicche assolute. Mercoledì 12 ottobre il Torrione ospiterà la personale sintesi di jazz, samba, ritmi africani e cultura araba dello straordinario chitarrista, dotato cantante e sopraffino compositore João Bosco in solo. Sabato 19 novembre è la volta di Harp vs. Harp, ovvero l'inusuale incontro in ambito jazzistico tra due dei massimi specialisti mondiali dei rispettivi strumenti quali l'arpista di Bogotà Edmar Castaneda e l'armonicista francese Grégoire Maret. Mercoledì 7 dicembre, infine, è di scena il quartetto del pianista Nduduzo Makhathini completato da Logan Richardson al sassofono, Zwelakhe Duma al contrabbasso e Nasheet Waits alla batteria. Dai successi sudafricani alla ribalta statunitense il passo è stato breve, specie dopo l'approdo alla Blue Note e una serie di acclamati album.

 

Questa nuova stagione vede il ritorno della TOWER JAZZ COMPOSERS ORCHESTRA, gli oltre 20 elementi guidati da Alfonso Santimone e Piero Bittolo Bon che costituiscono l'apprezzata orchestra residente del Jazz Club Ferrara. Li potremo ascoltare con cadenza mensile domenica 23 ottobre, domenica 20 novembre e domenica 18 dicembre nell'ambito degli appuntamenti realizzati in collaborazione con Istantanea. ISTANTANEA è infatti l'ideale spazio d'incontro tra la TJCO e Istantanea Ensemble (collettivo nato nel 2018 in seno alle esperienze che fanno capo al Mercato Sonato di Bologna) che vive dell'osmosi tra compositori e artisti di diversa estrazione, intenti a generare percorsi trasversali nel panorama dell'arte più attuale, dando vita a un proteiforme arcipelago di grande biodiversità creativa. Segnaliamo qui gli altri appuntamenti in programma: Simoni:Teolis (2/10), Eyal Maoz/Piero Bittolo Bon/Zeno De Rossi (9/10), Pilia - Franceschelli Duo (16/10), Francesco Bucci Zobibor (30/10), Silvia Mandolini (6/11), Pepe Medri e Small Timbuctù Orkestra (13/11), Denis Zardi Interferenze (27/11), D'Alessandro/Santimone Lìmen Apràxias (4/12) e Istantanea [7] (11/12).

 

In AMBITO DIDATTICO, nel corso della settimana, il Jazz Club Ferrara continua ad ospitare buona parte delle lezioni del Dipartimento jazz del Conservatorio "G. Frescobaldi", oltre ad essere sede ideale, anche quest'anno, di Fresh & Bold, festival jazz dell'istituto musicale giunto alla sua seconda edizione. Fresh & Bold animerà i venerdì sera di ottobre con una serie di concerti degli allievi e dei docenti del Conservatorio stesso che vedono la partecipazione di ospiti speciali quali: Reda Zine e Kalifa Kone, Simon Purcell e Christpher Culpo. Qui tutti gli appuntamenti in programma: Orchestra Creativa del Conservatorio "G. Frescobaldi" (30/9), Simon Purcell Quintet (7/10), Yatra-ta Ensemble + I soliti ignoti (14/10), Tiny Music + Quartetto Z (21/10) ed il Christopher Culpo Quartet (28/10).

 

Immancabile infine l'appuntamento con le ESPOSIZIONI di quella che può essere definita la piccola art gallery del Jazz Club. Dal 30 settembre (e fino al 19 novembre), le nicchie del Torrione ospiteranno "Towerismo", personale della giovane illustratrice Cristina Cervesato (CriCerve). Il Towerismo è un movimento nato all'interno di un baluardo difensivo sulla cinta muraria di Ferrara dalla consapevolezza del valore collettivo della cultura e dalla volontà di mettere in atto una vera e propria rivoluzione: dimostrare che il jazz è una musica, o meglio una lingua, comune a tutti. La Torre non si regge da sola, è sostenuta da donne e uomini che con i loro sguardi, colori, voci e ombre riempiono lo spazio lasciando sempre un posto libero al prossimo curioso e appassionato. La mostra è realizzata con il sostegno di Endas Emilia-Romagna in collaborazione con Regione Emilia-Romagna nell'ambito del progetto "Intrecciare cultura".

Dal 20 novembre (e fino alla pausa natalizia), in occasione del centenario della nascita di Charles Mingus, sarà la volta di "Mingus": una preziosa selezione di stampe tratte dall'omonimo volume di Flavio Massarutto e Squaz edito da Coconino Press. Nel corso della serata inaugurale, l'incontro con l'autore e l'illustratore anticiperà il concerto della Tower Jazz Composers Orchestra, impegnata nell'esecuzione di alcuni arrangiamenti originali di brani dell'iconico contrabbassista. La mostra è realizzata in collaborazione con Bologna Jazz Festival. La curatela delle esposizioni è di Eleonora Sole Travagli.

 

L'Associazione Culturale Jazz Club Ferrara consente di ampliare la propria base sociale attraverso il TESSERAMENTO a Endas, che riserva ai propri soci numerose agevolazioni su scala nazionale, insieme alla possibilità di fruire di un numero di appuntamenti di indiscusso valore culturale. Il Jazz Club Ferrara è inoltre parte integrante del circuito MyFe, la carta turistica della città estense.

 

***

 

INFORMAZIONI

www.jazzclubferrara.com

jazzclub@jazzclubferrara.com

Informazioni e prenotazione cena 331 4323840 (tutti i giorni dalle 12.00 alle 22.00)

 

Il Jazz Club Ferrara è un circolo Endas

 

PRESIDENZA

Federico D'Anneo

 

DIREZIONE ARTISTICA

Francesco Bettini

 

UFFICIO STAMPA

Eleonora Sole Travagli

email solejazzclubferrara@gmail.com, press@jazzclubferrara.com

cell. 339 6116217

 

Immagini scaricabili: