Comune di Ferrara

venerdì, 14 giugno 2024.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Inaugura la nuova caserma di Polizia locale. Il sottosegretario Molteni: "Giorno importante per Ferrara e per il Paese". Sindaco: "E ora avanti col recupero". Vicesindaco: "Portiamo legalità dove c'era degrado"

POLIZIA LOCALE - Cerimonia inaugurale lunedì 13 febbraio 2023 in via Tassoni alla presenza di autorità civili, militari e religiose

Inaugura la nuova caserma di Polizia locale. Il sottosegretario Molteni: "Giorno importante per Ferrara e per il Paese". Sindaco: "E ora avanti col recupero". Vicesindaco: "Portiamo legalità dove c'era degrado"

13-02-2023 / Giorno per giorno

INAUGURA LA NUOVA CASERMA DELLA POLIZIA LOCALE. IL SOTTOSEGRETARIO MOLTENI: "GIORNO IMPORTANTE PER FERRARA E PER IL PAESE". E ANNUNCIA PROSSIMA RIFORMA. SINDACO: "E ORA AVANTI COL RECUPERO". VICESINDACO LODI: "PORTIAMO LA LEGALITÀ DOVE C'ERA DEGRADO". I VIGILES ALL'INGRESSO: "UNA STORIA LUNGA DUEMILA ANNI"
Ferrara, 13 febbraio 2023 - "Un giorno di festa, un giorno importante per Ferrara e per il Paese". Così questa mattina il sottosegretario all'Interno Nicola Molteni inaugurando - col vicesindaco Nicola Lodi e il comandante Claudio Rimondi - la nuova caserma della polizia locale Terre Estensi al civico 7 di via Tassoni, nell'area - un tempo degradata - dell'ex Palaspecchi.
L'edificio, di cinque piani (uno interrato) per 3.100 metri quadrati e con parcheggi interno ed esterno, ha richiesto un investimento di circa 5milioni di euro, incrementato - con due diverse variazioni di bilancio, nel 2021 e nel 2022 - di circa un milione di euro di fondi comunali. Arredi, sistemazione e completamenti delle aree esterne sono esclusi dall'appalto e in gestione ad ACER Ferrara. All'interno dell'immobile saranno operative circa 170 persone.

Tra le dotazioni: una control room collegata con le telecamere cittadine ("presto 51 nuove dotazioni per la videosorveglianza grazie a un investimento congiunto tra Ministero dell'Interno e Amministrazione comunale di 1,2 milioni di euro", ha annunciato Lodi), due celle di sicurezza, due prati per lo sgambamento dei tre cani (tra cui l'ultimo arrivato, Foras), delle altrettante unità cinofile, una sala riunioni e formazione (intitolata alla memoria Paola Carolina Finotti, assistente scelto presso la segreteria del comandante prematuramente scomparsa).

"Rinasce un quartiere, questa giornata dà ragione ad anni di nostre battaglie politiche e il risanamento proseguirà, grazie al Programma innovativo della qualità dell'abitare (PINQuA), che prevede altri interventi che porteranno anche al recupero di spazi per attività sportive e della riqualificazione del parcheggio pubblico", dice il sindaco Alan Fabbri, oggi assente per influenza.

"La sicurezza è un bene da difendere, non è né di destra né di sinistra, è un diritto da proteggere, un valore da conservare, è libertà, è la precondizione per lo sviluppo di una comunità, per la crescita, per il rilancio - ha sottolineato Molteni nel corso del suo intervento -. E non è mai un costo, ma è sempre un investimento", ha rimarcato il sottosegretario, ringraziando l'Amministrazione e le forze dell'ordine e annunciando una prossima riforma delle polizie locali: "La legge ordinamentale ha oltre 30 anni di vita. La politica, insieme, deve raccogliere la sfida dei territori, delle amministrazioni locali, per valorizzare queste risorse".
La nostra azione - ha aggiunto Molteni - è, in generale, orientata a "tre direttrici: valorizzazione del capitale umano, valorizzazione del capitale logistico e tecnologico, capitale normativo".

"Abbiamo accolto e trasformato in fatti l'appello di tantissimi cittadini, portando la legalità in uno dei quartieri più popolosi della città e in un luogo a lungo tristemente simbolo del degrado: solo cinque anni fa qui c'era un edificio abbandonato dove si spacciava droga, si bivaccava, al centro di continui fatti di cronaca.Oggi lo stesso edificio è diventata la casa della sicurezza e della legalità". Lodi ha ringraziato tutte le forze dell'ordine "per le efficaci operazioni interforze e per l'impegno costante" e anche "Lorenzo Fontana, presidente della Camera, che qui è stato in anni passati e che ha condiviso con noi questa battaglia e questo percorso".

Ad aprire la cerimonia è stato l'inno italiano suonato dalla banda filarmonica "Ludovico Ariosto" città di Ferrara. L'edificio è stato poi benedetto dall'arcivescovo di Ferrara-Comacchio Gian Carlo Perego. All'ingresso - come ricordato da Rimondi - due figuranti in vestito da vigiles (antiche figure che nella Roma antica erano preposte al controllo dei mercati, alla regolamentazione della circolazione dei carri nell'urbe e allo spegnimento di incendi). "Esistiamo da circa duemila anni e da circa duemila anni siamo al servizio delle città. Con questa nuova sede entriamo di fatto nel terzo millennio. Non solo un edificio, ma un simbolo di pari dignità per chi opera sul territorio", ha concluso il comandante.
Qui la scheda tecnica e un ricordo di Paola Carolina Finotti:

>> DOCUMENTAZIONE SCARICABILE: https://www.cronacacomune.it/notizie/47638/inaugurazione-della-nuova-sede-della-polizia-locale-terre-estensi.html

(Ferrara Rinasce)

Immagini scaricabili:

Il sottosegretario Nicola Molteni (foto FVecch) Il vicesindaco Nicola Lodi La control room L'intervento del sottosegretario Nicola Molteni L'intitolazione a Finotti L'intitolazione a Finotti