Comune di Ferrara

martedì, 27 febbraio 2024.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Bilancio di previsione 2023-2025 del Comune di Ferrara: investimenti per 99 milioni di euro senza aumenti fiscali; risorse destinate a servizi sociali, opere pubbliche e imprese

BILANCIO COMUNALE - Al via l'iter di approvazione del documento che approderà in Consiglio comunale il 13 marzo prossimo

Bilancio di previsione 2023-2025 del Comune di Ferrara: investimenti per 99 milioni di euro senza aumenti fiscali; risorse destinate a servizi sociali, opere pubbliche e imprese

22-02-2023 / Giorno per giorno

Pressione fiscale invariata, investimenti per 99 milioni di euro, sostegno alle imprese e alle associazioni del territorio e importanti finanziamenti per servizi sociali, scuola, turismo, cultura e sport. Il tutto nonostante il vertiginoso incremento delle spese energetiche degli ultimi mesi. Questi i tratti salienti del Bilancio di previsione 2023-2025 del Comune di Ferrara, illustrato oggi, 22 febbraio 2023, in conferenza stampa dal sindaco Alan Fabbri e dall'assessore al Bilancio e Contabilità Matteo Fornasini, alla presenza del dirigente del Settore comunale Programmazione Finanziaria Giorgio Bonaldo.

Il calendario per l'approvazione del documento prenderà il via nel pomeriggio di oggi con un primo passaggio illustrativo in Commissione consiliare, cui ne seguirà un secondo il prossimo 1 marzo. Il termine per la presentazione degli emendamenti è fissato per il 6 marzo, mentre l'approdo in Consiglio comunale per la discussione e l'approvazione è previsto per le giornate dal 13 al 15 marzo prossimi. Già nel pomeriggio di ieri, intanto, è arrivato il parere favorevole dei Revisori dei conti sia sul Dup che sul Bilancio di previsione.

"Anche quest'anno - ha sottolineato il sindaco Alan Fabbri - approviamo un bilancio solido che ha già ricevuto il parere favorevole, senza rilievi, dei Revisori dei conti e, coerentemente con l'impegno preso, non abbiamo aumentato le tasse, confermando e potenziando servizi e investimenti, nonostante l'impatto economico notevole legato agli effetti della congiuntura internazionale (+112 per cento di spesa energetica dal 2021 al 2022) e all'onda lunga della crisi Covid". Fabbri ha posto l'accento "sull'attenzione a tutto il territorio tra centro e frazioni, con un piano di rigenerazione dei vecchi edifici comunali da oltre 13milioni di euro e un nuovo pacchetto rilancio previsto da 750mila euro per il sostegno ad artigianato, commercio e agricoltura e con iniziative specifiche per il forese", e sulla "sensibilità concreta a favore del sociale, con 19milioni di euro di stanziamenti previsti". "Stiamo lavorando - ha inoltre detto - anche sul trasporto scolastico (700mila euro per l'acquisto di nuovi scuolabus) per il mantenimento delle scuole frazionali. Sono fiducioso che riusciremo a portare a casa risultati". Ancora, al centro "la digitalizzazione con stanziamenti in servizi e nella dematerializzazione delle pratiche edilizie per 500mila euro", la sicurezza (500mila euro a completamento della nuova caserma della polizia locale, 300mila euro per dissuasori e telecamere, riqualificazioni per quasi 14milioni di euro, sfruttando anche le risorse Pnrr), lo sport: in questo capitolo ci sono, tra le altre cose, la nuova palestra di via Canonici e un nuovo skatepark in via Caretti, oltre al nuovo palazzetto in via Foro Boario e alle riqualificazioni previste con fondi europei. Alla voce ambiente citati: la già prevista e finanziata bonifica di suolo e sottosuolo dell'area ex Amga, le nuove alberature per 150mila euro, e gli interventi straordinari al verde pubblico per 1,1 milioni di euro.
Tra le sfide future citate ancora dal Sindaco: "il completamento della Casa dell'Ortolano, che - da bilancio - beneficerà di altri 800mila euro e che sarà un nuovo luogo a servizio della valorizzazione delle mura e dell'antica cultura contadina, l'ambizione di procedere a concretizzare i lavori dopo la progettazione del nuovo mercato coperto, la Zona logistica semplificata". E poi "avanti con gli investimenti e con lo sblocco dei cantieri per creare ricchezza e attingere a nuove occasioni di sviluppo che passano attraverso infrastrutture adeguate".

La spesa complessivamente prevista dal bilancio è di 241 milioni di euro, di cui 99 milioni destinati agli investimenti e 142 milioni per la spesa corrente. "Una cifra, quella per gli investimenti - sostiene l'assessore Matteo Fornasini - molto molto rilevante di questi tempi".
Tra le principali voci di spesa figura il Piano delle Opere pubbliche, cui sono destinati 98,9 milioni di euro "investimenti importanti, che si integrano - spiega ancora Fornasini - con le risorse ottenute dal Pnrr per  81 milioni di euro, altra cifra niente affatto scontata e in linea o superiore a quelle ottenute da altre città simili a Ferrara". "Nonostante i cospicui investimenti pubblici che continuiamo a garantire alla città per sostenerne lo sviluppo economico, abbiamo portato avanti in questi anni anche un piano di rientro dal debito molto rilevante, che ci permetterà di scendere a 69 milioni di euro, dagli 81,9 del 2019, anno dell'insediamento di questa Amministrazione".

"Tutto questo sforzo nonostante l'aggravarsi della crisi energetica che ha colpito inevitabilmente anche il nostro bilancio. In un anno, infatti, le spese energetiche del Comune sono più che raddoppiate, arrivando alla cifra di 8,5 milioni di euro". Nessun taglio è stato, tuttavia, previsto per scuole, servizi sociali, turismo, cultura e altri settori delle vita cittadina e inalterata rimarrà anche la pressione fiscale, con la conferma delle riduzioni già introdotte nel 2020 e una defiscalizzazione di circa 700mila euro annui. Previsto nel triennio anche un ulteriore stanziamento di 750 mila euro a sostegno dei bandi per le piccole e medie imprese.

Grande impegno continuerà a essere dedicato al decoro urbano e alla cura del verde pubblico. Confermate le risorse per il turismo e la cultura, con oltre 150 eventi in un anno, e i contributi alle associazioni che operano in questi settori.
Elevato resta anche lo standard di risorse destinate ai servizi sociali, con 19 milioni di euro per contributi e prestazioni, a sostegno delle esigenze in continua evoluzione di famiglie e cittadini.

Sia dal Sindaco che dall'assessore Fornasini sono giunti i ringraziamenti agli uffici comunali del Settore Programmazione finanziaria diretti da Giorgio Bonaldo, "per l'ottimo lavoro svolto, come testimoniato anche dal parere espresso dai Revisori dei conti. Parere che non ha evidenziato nessuna criticità e non ha effettuato nessun rilievo sul Bilancio".

Immagini scaricabili:

Bilancio 7

Allegati scaricabili: