Comune di Ferrara

mercoledì, 24 aprile 2024.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > “Ti Porto Io”: per i cittadini in difficoltà al via un nuovo servizio di trasporto sociale più capillare e "su misura"

POLITICHE SOCIALI - Ass. Coletti: “servizio innovativo per risolvere le difficoltà di mobilità che limitano la vita sociale e lavorativa”

“Ti Porto Io”: per i cittadini in difficoltà al via un nuovo servizio di trasporto sociale più capillare e "su misura"

01-03-2023 / Giorno per giorno

Un servizio di trasporto sociale maggiormente rispondente alle esigenze manifestate dalla cittadinanza e che presenti, allo stesso tempo, una maggiore verificabilità da parte dell'Amministrazione comunale, al fine di mantenere uno standard di qualità elevato rispetto alle richieste degli utenti. Si chiama "Ti Porto Io" ed è il nuovo servizio che il Comune di Ferrara è in procinto di integrare nelle prestazioni di welfare erogate dall'assessorato alle Politiche Sociali e Sanitarie. Dopo il via libera della Giunta comunale alla delibera proposta dell'assessore alle Politiche sociali Cristina Coletti, si avvierà nei prossimi giorni la procedura di gara che condurrà all'individuazione dell'operatore economico a cui sarà affidato il servizio a partire dal prossimo 4 aprile 2023. 

"La volontà - spiega Coletti - è migliorare e rendere sempre più prossimi, secondo quanto stabilito dalle linee sindacali di mandato, i servizi in favore dei concittadini più fragili o non autosufficienti, in condizioni di disabilità, che presentano difficoltà motorie, svantaggiati dall'assenza di una rete amicale e famigliare, e dalla residenza in luoghi isolati. Nei fatti, si tratta di una nuova progettualità che, grazie all'introduzione di elementi innovativi e migliorativi fortemente voluti dall'Amministrazione, va a rivedere quanto offerto sino ad oggi nell'ambito del programma "Muoversi-Giuseppina". Con il servizio "Ti Porto Io", i cittadini ferraresi più deboli avranno a disposizione un servizio capillare e risolutivo delle difficoltà di mobilità che limitano la vita sociale e lavorativa. Non solo, sarà una progettualità più moderna, fruibile con procedure di prenotazione più immediate, e trasparente grazie ad un questionario che renderà possibile un monitoraggio puntuale della qualità del servizio, utile ad accertarne la soddisfazione". 

Fra gli elementi di novità introdotti con "Ti Porto Io" figurano: la quantificazione dell'utenza minima stimata su base annua cui l'accesso al servizio dovrà essere garantito; l'introduzione di una scala di priorità per la fruizione che renda trasparente e verificabile la modalità di soddisfazione delle richieste dell'utenza; la digitalizzazione del servizio, mediante la creazione di una pagina web da parte dell'aggiudicatario contenente tutte le informazioni e i recapiti, nonché la possibilità di richiedere l'attivazione online, da inserire anche nel sito del Comune e di Asp; l'utilizzo di mezzi poco inquinanti; l'introduzione di reportistica a favore del Comune. Tale reportistica consiste nella predisposizione di una relazione trimestrale sull'attività da inviare all'Amministrazione per consentire il corretto adempimento delle prestazioni - il report dovrà indicare il numero di utenti, la tipologia, le richieste soddisfatte e la priorità assunta, il numero di viaggi effettuati -. Annualmente i cittadini dovranno essere coinvolti dal soggetto aggiudicatario in un'indagine sul gradimento il cui esito, in forma anonima, verrà inviato all'Amministrazione. 

Inoltre, il servizio si caratterizzerà per due filoni di interventi destinati a:
- persone fra i 18 e i 65 con disabilità e con problemi legati alla mobilità, con priorità all'accompagnamento alle attività lavorative e propedeutiche al mantenimento delle abilità residue in relazione alla propria disabilità; sopra i 65 anni potranno essere valutate le richieste prioritariamente legate a bisogni di salute e terapeutici debitamente documentati;
- anziani con più di 75 anni, in condizioni di fragilità (luoghi isolati, rarefazione delle reti familiari e sociali, difficoltà di movimento), con priorità all'accompagnamento a visite mediche, alle terapie ed alle attività di socializzazione per il mantenimento di una qualità di vita adeguata alla propria sfera sociale. 

Immagini scaricabili:

Foto comunicato Ti porto io.jpg