Comune di Ferrara

venerdì, 23 febbraio 2024.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Il Sottosegretario Nicola Molteni saluta ufficialmente i quindici militari assegnati a Ferrara

SICUREZZA URBANA - Visita istituzionale alla nuova sede della PL e al GAD. Il vicesindaco Lodi: "Un tassello importante per la sicurezza della città"

Il Sottosegretario Nicola Molteni saluta ufficialmente i quindici militari assegnati a Ferrara

22-09-2023 / Giorno per giorno

Oggi, 22 settembre 2023, si è tenuta la visita del Sottosegretario all'Interno Nicola Molteni per presentare ufficialmente il contingente dei 15 militari che hanno preso servizio dal 20 settembre nella città di Ferrara. Alla cerimonia, svolta nella nuova caserma della Polizia Locale di via Tassoni, hanno partecipato - oltre al Sottosegretario - l'On. Davide Bergamini, il Vicesindaco Nicola Lodi, il viceprefetto Vincenzo Martorano, il Comandante pro-tempore raggruppamento Strade sicure - Comandante Militare Esercito "Emilia Romagna" f.f. Col. Nicola Perrone, il questore di Ferrara Salvatore Calabrese, l'assessore Mauro Felicori in rappresentanza della Regione Emilia Romagna, il presidente della Provincia Michele Padovani, il comandante della Polizia Locale Claudio Rimondi e le autorità civili e militari locali.

I 15 militari dell'operazione "Strade Sicure" hanno preso servizio mercoledì scorso, pattugliando attivamente il Gad e i suoi parchi, le mura di viale IV Novembre, piazzale Castellina, via Oroboni e le vie principali tra il grattacielo e la stazione. In centro sorveglieranno via Mazzini, galleria Matteotti, via San Romano, via Carlo Mayr, il Meis e la sinagoga di via Mazzini.

"La sicurezza rimane la priorità per chi ha delle responsabilità di governo nazionale e locale. - afferma il Sottosegretario Molteni durante la conferenza stampa tenutasi in sala Paola Finotti -. Senza sicurezza non c'è sviluppo, non c'è crescita e investimenti. Per anni è stata considerata un costo e una spesa, io credo, invece, che sia un investimento. La sicurezza non è né di destra né di sinistra, ma è un bene, un valore e un diritto che deve essere garantito e protetto. Oggi con i militari, che tornano anche a Pisa e a Monza, c'è un impegno del governo per riportare il contingente dell'operazione Strade Sicure su tutto il territorio"

"Questa è una giornata importante per Ferrara - spiega il Vicesindaco e Assessore alla Sicurezza Nicola Lodi - . Con i quindici militari che tornano a pattugliare le nostre strade, la città sarà ancora più sicura. Quando abbiamo vinto le elezioni, ormai quattro anni fa, ci siamo posti l'obiettivo non semplice di combattere fenomeni di delinquenza radicati capillarmente su tutto il territorio Comunale. L'arrivo dell'esercito segna un passo importantissimo in questo senso.
Il mio più sentito ringraziamento va al Sottosegretario di Stato al Ministero dell'Interno Nicola Molteni, che ha sempre prestato ascolto alle nostre esigenze e se ne è fatto portavoce".

Dopo la cerimonia e la visita alla sede della Polizia Locale, il Sottosegretario Molteni e le altre autorità si sono spostate nel fulcro delle zone pattugliate dai militari, Parco Marco Coletta, per un ulteriore saluto agli agenti in servizio e per un momento di riflessione - supportato dalla proiezione di un video nella Sala Polivalente del Centro di Mediazione alla base del Grattacielo - con Amministratori e autorità presenti sull'attività di riqualificazione svolta nel quartiere. Le autorità si sono poi spostate, accompagnate dal Vicesindaco Lodi, in piazzale Castellina, piazzetta Enrico Toti e parco Giordano Bruno, momentaneamente chiuso per lavori di riqualificazione.

"Ferrara mi piace molto, ritengo sia una città che è cresciuta, una città che ha acquisito una vocazione turistica per le bellezze di natura culturale e storica. E' una città che ha bisogno di sicurezza e su questo tema c'è stato un investimento importante - riflette il Sottosegretario Molteni -. Il Gad era un'enclave di illegalità e criminalità, una cosiddetta "zona franca", mentre oggi è diventata un luogo di comunità. Questo ci mostra che per garantire sicurezza serve controllo del territorio e presenza delle forze di polizia. Ma è anche necessario riqualificare le zone degradate, investendo anche sulla prevenzione, sulle attività sportive, culturali, utilizzando il terzo settore, illuminando la città. Ritengo che l'operazione del Gad sia veramente un grande esempio di riqualificazione sociale: si è restituito un pezzo di territorio abbandonato a disposizione della comunità locale, senza, però, abbassare mai la guardia", conclude il Sottosegretario.

 

Immagini scaricabili: