Comune di Ferrara

mercoledì, 28 febbraio 2024.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Un nuova sede dell'Associazione Nazionale Alpini in via Trenti

CERIMONIA DI INAUGURAZIONE - Inaugurata da sindaco Fabbri, vicesindaco Lodi e rappresentanze militari

Un nuova sede dell'Associazione Nazionale Alpini in via Trenti

30-09-2023 / Giorno per giorno

INAUGURATA LA NUOVA SEDE DELL'ASSOCIAZIONE NAZIONALE ALPINI, GRUPPO DI FERRARA. IL SINDACO FABBRI: "RICONOSCENZA PER L'IMPEGNO DEL CORPO, UNA GRANDE FAMIGLIA". IL VICESINDACO LODI: "CONSEGNIAMO UNA SEDE FUNZIONALE E IDONEA A UN GRUPPO SEMPRE IN PRIMA LINEA DURANTE LE EMERGENZE"

E' stata inaugurata oggi, sabato 30 settembre 2023, la nuova sede dell'Associazione Nazionale Alpini gruppo di Ferrara, sezione bolognese-romagnola "S.Ten. Ivo Simoni". L'ex edificio, in corso della Giovecca 165, è stato infatti reso inagibile dal terremoto che colpì duramente l'Emilia nel 2012. Da allora, gli Alpini hanno chiesto al Comune una nuova sede idonea che potesse ospitare il nucleo. Dopo più di dieci anni, oggi la sede riapre in via Trenti 32. I locali, individuati e in concessione dal Comune, sono stati completamente ristrutturati dagli alpini di Ferrara, con il particolare dell'aiuola all'ingresso della nuova sede realizzata in legno di faggio da Claudio Marchisio, segretario del Gruppo Alpini Ferrara e referente del Nucleo di Protezione Civile.

Alla cerimonia di inaugurazione,  erano presenti il Sindaco Alan Fabbri, il Vicesindaco Nicola Lodi, l'Onorevole Mauro Malaguti, il Presidente dell'Associazione Nazionale Alpini sezione bolognese romagnola Roberto Gnudi, il Capogruppo dell'Associazione Nazionale Alpini gruppo Ferrara Luca Nigrisoli e altre autorità civili, religiose e militari. Erano inoltre presenti le associazioni Combattentistiche e d'Arma con i loro vessilli.

"Gli Alpini da sempre sono sinonimo di vicinanza alle comunità, di impegno per il sostegno alle popolazioni, di presenza nel momento del bisogno, di punto di riferimento nelle emergenze, di solidarietà costante - ha dichiarato il sindaco Alan Fabbri -. Quello di oggi è un giorno di rinascita: il gruppo Alpini, infatti, torna ad avere una casa, in uno stabile comunale. E questa è e sarà anche la casa dei ferraresi, per lo spirito di accoglienza e di condivisione che il corpo ha sempre incarnato. Siamo felici, come Comune, di aver messo a disposizione questi locali, un segno di riconoscenza per quanto fatto da questi uomini e donne, anche durante le recenti emergenze che hanno colpito duramente i territori: sisma, Covid, ondate devastanti di maltempo. Il nostro pensiero e il nostro grazie oggi va anche a Ivo Simoni, caduto in guerra nel 1942, a tutti gli Alpini che si sono sacrificati per costruire un mondo più solidale, più vero e più giusto e al vostro impegno quotidiano, che procede nel solco di una grande tradizione. Facciamo nostro il motto della 94esima adunata di Udine: "Alpini, la più bella famiglia".

"Dopo il terremoto che sconvolse l'Emilia-Romagna, gli Alpini di Ferrara non avevano una sede degna in cui organizzare la loro logistica, fare riunioni o - più semplicemente - aggregarsi. - ha affermato il Vicesindaco e Assessore alla Protezione Civile Nicola Lodi -. A Ferrara gli Alpini sono arrivati all'inizio degli anni Venti e ancora oggi, grazie ai soci-volontari, tengono viva un'associazione in cui ad ogni momento di confronto si respira orgoglio e gioia. Dopo un lungo percorso in cui mi sono speso in prima persona, vediamo oggi i sorprendenti risultati. Gli alpini di Ferrara e il nucleo di Protezione Civile sono indispensabili non solo a Ferrara, ma in tutta l'Emilia-Romagna: ricordiamo che i volontari sono sempre in prima linea durante tutte le emergenze, dal Covid all'ultima terribile alluvione che ha colpito la nostra regione. Dare loro una sede adatta era il minimo che potessimo fare come Amministrazione".

"Ringrazio in primis il Sindaco e il Vicesindaco che si sono prodigati per darci una sede così bella, l'architetto Rita Fabbri e i miei Alpini, che si sono spesi per rendere la sede accogliente in perfetto 'stile Alpino' - ha sottolineato il capogruppo dell'Associazione Nazionale Alpini gruppo Ferrara Luca Nigrisoli - Da avere una stanza nella Casa della Patria, ad essere ospitati dopo il terremoto nella sede dell'Associazione Nazionale Famiglie Caduti dispersi in guerra, ora abbiamo un nuovo immobile presso il Mof, che diventerà la sede operativa vera e propria del gruppo Alpini e del Nucleo di Protezione Civile".

"Il gruppo Alpini di Ferrara ringrazia tutta l'Amministrazione Comunale e, in particolare, il Sindaco Alan Fabbri e il Vicesindaco Nicola Lodi, per averci donato un posto in cui riunirci - ha aggiunto il segretario del gruppo Alpini e referente del nucleo di Protezione Civile Claudio Marchisio -. Il Vicesindaco, in particolare, ci ha preso "sotto la sua ala" e ha dimostrato che una stretta di mano vale più di un contratto. Dopo un mese di lavori fatti da noi volontari, con orgoglio mostriamo la nuova sede ai presenti".

Il gruppo di Ferrara, nato nel 1932, è intitolato al Sottotenente Ivo Simoni, caduto in guerra nel 1942. Gli alpini e il nucleo di protezione civile sono impegnati in prima linea durante le emergenze, l'ultimo aiuto è stato dato durante l'alluvione in Emilia-Romagna, in cui le unità hanno prestato servizio a Faenza, Riolo e tutte le zone maggiormente colpite. Il nucleo di Protezione Civile, composto da 18 unità, è nato subito dopo il terremoto, in cui undici persone hanno lavorato per oltre duemila ore. Al suo interno sono presenti sia i volontari Alpini sia soci aggregati, coordinati tra loro per svolgere le attività.
Il Nucleo di Protezione Civile A.N.A. Ferrara è inserito all'interno di una più ampia organizzazione, l'Unità di Protezione Civile A.N.A. della Sezione Bolognese-Romagnola, la quale al suo interno copre 5 Province: Bologna, Ferrara, Forlì-Cesena, Rimini, Ravenna.

La stessa Unità di Protezione Civile A.N.A. della Sezione Bolognese-Romagnola, in sinergia con le Sezioni di Parma, Piacenza, Reggio Emilia e Modena viene a comporre l'A.N.A.R.E.R. (Forza di Protezione Civile Ass. Naz. Alpini dell'Emilia-Romagna). Quest'ultima, oltre a svolgere attività di protezione civile in autonomia, collaborando con il Dipartimento di Protezione Civile Regionale, è parte attiva e integrata della Logistica della Colonna Mobile Regionale.

Immagini scaricabili: