Comune di Ferrara

mercoledì, 28 febbraio 2024.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Tavolo di Contrasto al Disagio Abitativo, nuovo incontro fra l'Amministrazione e le organizzazioni sindacali

POLITICHE ABITATIVE - Assessore Coletti: "Assemblea strategica. In questi anni intrapresi percorsi di recupero del patrimonio degli alloggi pubblici e di sostegno ai nuclei in difficoltà"

Tavolo di Contrasto al Disagio Abitativo, nuovo incontro fra l'Amministrazione e le organizzazioni sindacali

11-10-2023 / Giorno per giorno

"Dialogo e unione d'intenti per ricercare, insieme, le soluzioni migliori per salvaguardare il diritto dell'abitare, in un quadro complesso e delicato". Così l'assessore alle Politiche Abitative del Comune di Ferrara Cristina Coletti al termine del Tavolo di Contrasto al Disagio Abitativo, istituito su proposta dello stesso assessore a dicembre 2020, che per effetto di un protocollo siglato dalle parti vede riunirsi l'Amministrazione e le organizzazioni degli inquilini Sunia, Sicet e Uniat. 

Al Tavolo di Contrasto al Disagio Abitativo, periodicamente convocato dall'Amministrazione comunale quale strumento deputato ad approfondire i temi più stringenti da affrontare al Tavolo Provinciale di Concertazione delle Politiche Abitative, hanno preso parte l'assessore Cristina Coletti - presidente anche del Tavolo Provinciale - e i rappresentanti delle sigle sindacali: Eva Paganini (Sicet), Maurizio Ravani (Sunia) e Gianni Squarzanti (Uniat). 

"Il tavolo  - spiega l'assessore Coletti - è stato costituito in un momento di emergenza nel quale molti nuclei familiari sono stati travolti dalle conseguenze sociali ed economiche portati dalla pandemia, che ha acuito le problematiche già esistenti e creato difficoltà anche a persone che mai avevano chiesto aiuto. Il tavolo è uno strumento particolarmente strategico, che da allora è stato convocato in 6 circostanze, che si sommano ai 24 Tavoli Provinciali di Concertazione delle Politiche Abitative dai quali sono emerse sollecitazioni per le quali l'Amministrazione sta intervenendo a scopo di contrastare con efficacia ogni forma di disagio abitativo". 

"In anni difficili lo sforzo profuso è stato massimo e numerose sono state le iniziative intraprese, condivise anche con le organizzazioni sindacali" afferma Coletti, che ricorda "il protocollo antisfratti caldeggiato in Regione da me, su proposta dei Sindacati, nel 2021 e che nel 2022 abbiamo nuovamente rinnovato", gli stanziamenti di risorse comunali finalizzati ad un piano straordinario di recupero degli alloggi vuoti e i fondi ottenuti in ambito Pnrr per recuperare ed efficientare circa 50 alloggi in via Bologna e in via Verga. 

"Per valorizzare - specifica l'assessore alle Politiche Abitative - e aumentare il numero di case che compongono il patrimonio abitativo pubblico, l'Amministrazione ha dato seguito ad un piano di riscatto delle cosiddette aree Peep, che ha permesso di reinvestire virtuosamente circa 700mila euro di proventi nel recupero degli alloggi. Oltre a ciò sono state attivate varie fonti di finanziamento e nel 2023, anche con il contributo della Regione, si mettono a disposizione quasi 900mila euro per continuare nel recupero e nella manutenzione delle abitazioni. Con circa 20mila euro è stato sostenuto un percorso finalizzato a facilitare l'abitare condiviso fra giovani e anziani e un progetto innovativo di tutoring sociale, per aiutare i nuclei residenti in alloggi Erp". 

Pieno sostegno anche alle famiglie in difficoltà con il pagamento dei canoni: "Ad inizio anno - ribadisce Coletti -, ho portato all'attenzione della Regione una mia sollecitazione, colta con favore da tutti i sindaci della Provincia, che ha prodotto la possibilità di utilizzare quasi 430mila euro del Fondo Morosità Incolpevole per soddisfare 400 nuclei che avevano chiesto di accedere alla misura del Fondo Affitto. Inoltre, il Comune di Ferrara è l'unico a livello provinciale ad essersi dotato di un regolamento per l'emergenza abitativa ed è stato uno dei primi ad aderire al Patto regionale per la Casa, nato per favorire una specifica fascia di popolazione attraverso il calmieramento dei canoni".

"Continuiamo a tenere alta l'attenzione per mettere in atto iniziative sempre più adatte a supportare il diritto alla casa, anche grazie alla proficua collaborazione che si è instaurata con le componenti sindacali del territorio. Questa condivisione, ci impegnerà a convocare con maggiore continuità il Tavolo di Contrasto al Disagio Abitativo" conclude l'assessore.

Nella foto da sinistra: Eva Paganini (Sicet), Gianni Squarzanti (Uniat), Maurizio Ravani (Sunia), Cristina Coletti (Assessore alle Politiche Abitative), Alessandra Genesini (Dirigente del Servizio Politiche Abitative) e Lidija Radosavcev (Responsabile U.O. Politiche Abitative e rapporti con Acer)

Immagini scaricabili:

disagio abitativo.jpg