Comune di Ferrara

mercoledì, 28 febbraio 2024.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Al Comando Operazioni Aerospaziali la cittadinanza onoraria di Ferrara. Sorvolo di Tornado e F-35 per omaggiare la città

CITTADINANZA ONORARIA- Martedì 17 novembre 2023 nella sala del Consiglio Comunale cerimonia di consegna dell'attestato dI cittadinanza onoraria di Ferrara

Al Comando Operazioni Aerospaziali la cittadinanza onoraria di Ferrara. Sorvolo di Tornado e F-35 per omaggiare la città

07-11-2023 / Giorno per giorno

IL VICESINDACO: “FORZA DEL TERRITORIO PER IL TERRITORIO”. IL GRAZIE DEL GENERALE GABELLINI: “DA OGGI CI SENTIAMO ANCORA PIÙ FERRARESI”.

TANTE LE COLLABORAZIONI BENEFICHE E L'ATTIVITÀ ALL'HUB VACCINALE: 16MILA ORE DEDICATE ALLA POPOLAZIONE. CIRCA MILLE PERSONE ATTIVE ALLA BASE DI POGGIO RENATICO

Il Comando Operazioni Aerospaziali dell'Aeronautica Militare ha ricevuto oggi, martedì 7 novembre 2023, l'attestato della cittadinanza onoraria di Ferrara. Un riconoscimento alle tante collaborazioni realizzate con la comunità e in particolare per l'apporto fornito per fronteggiare la pandemia. La cerimonia è stata suggellata, questa mattina anche dal sorvolo di due Tornado e un F-35, gesto con cui la Forza Armata - che proprio quest'anno compie 100 anni - ha omaggiato la città.

La base di Poggio Renatico (provincia di Ferrara) del COA accoglie al suo interno circa 1000 tra militari e civili da tutta Italia.

"Una forza del territorio a servizio del territorio e del Paese" - l'ha definita il vicesindaco Nicola Lodi poco prima di consegnare, in sala consiliare, alla presenza del prefetto Massimo Marchesiello, l'attestato di cittadinanza al Generale di Divisione Aerea Claudio Gabellini, che ha ringraziato parlando di "riconoscimento a tutto il personale" e ha ricambiato donando al Comune il crest del Comando. "Nei cento anni dell'Aeronautica militare non avremmo potuto  ricevere riconoscimento più gradito. Da oggi tutti ci sentiamo ancora più ferraresi e sono sicuro che sapremo ricambiare il vostro affetto e la vostra considerazione. La cittadinanza - ha inoltre aggiunto - "è motivo di orgoglio e spinta a fare il nostro lavoro in maniera sempre più decisa, convinta e proattiva nei confronti della comunità". Il generale ha sottolineato che al COA "Il 90 per cento dell'attività è rivolta al sistema difesa e sicurezza nazionale: lavoriamo per la collettività".  Le motivazioni riportate nell'attestato (in allegato l'integrale del testo) sottolineano in particolare "la straordinaria abnegazione, generosità e umanità" dei servizi svolti a sostegni della città. 

Ad assistere alla cerimonia c'erano, in rappresentanza degli studenti, anche una cinquantina di alunni dell'istituto Einaudi e i giovani giornalisti di Studen Tg. Il momento istituzionale in sala consiliare è stato preceduto da una visita alla mostra del centenario ospitata nei rinnovati spazi dell'ex refettorio di San Paolo (via Boccaleone 19), con accesso gratuito fino al 19 novembre (orari 9-13, 14-18). Quindi la delegazione ha raggiunto piazza della cattedrale per assistere al sorvolo, triplice, di un Lockheed Martin F-35 "Lightning II" e di due Panavia PA-200 Tornado IDS del 6° Stormo di Ghedi, il volo ha seguito la direttrice nord-sud, da corso Ercole I D'Este fino al Castello, quindi verso Piazza Travaglio e l'Ippodromo.

Nel corso della mattinata Lodi ha ricordato "l'attività incessante" svolta da donne e uomini del COA, "il contributo alla vita territoriale, la collaborazione sviluppata con diverse realtà locali, la presenza attiva e il sostegno ai tanti eventi con fini benefici". Un accento particolare ha avuto l'attività realizzata in tempi pandemici da circa 160 militari del COA a sostegno del personale sanitario impegnato all'hub vaccinale di Ferrara Expo. I numeri della collaborazione con donne e uomini in azzurro li ha dettagliati la direttrice dell'azienda Usl e commissaria straordinaria dell'Azienda ospedaliera Monica Calamai: 237 giorni in presenza costante, 2300 turni e 16mila ore complessivamente dedicate alla popolazione. E oggi - ha sottolineato - "la collaborazione continua in altri percorsi sanitari: dall' infermiere di comunità alla prevenzione, con grande produttività e con l'obiettivo di essere sempre al servizio della comunità". "Un'eccellenza", l'ha definita il prefetto Marchesiello parlando della realtà di Poggio Renatico, "che ha mostrato la profonda intelligenza di inserirsi - con grande capacità di risposta, di adattamento e di comprensione delle esigenze - nel tessuto della comunità e che oggi rappresenta un punto di riferimento assoluto".

Il COA è un caposaldo dell'Aeronautica militare per l'utilizzo e lo sviluppo del potere aerospaziale e svolge attività a protezione dei cieli tutti i giorni dell'anno, 24 ore su 24, senza soluzione di continuità, attraverso le sale operative nazionali presenti all'interno della base. È costituito sulla base aerea di Poggio Renatico dal 2010, e ha il compito di preparare e addestrare il personale a operare all'interno delle strutture di Comando e controllo in ambito nazionale, internazionale e di coalizione, all'interno della Nato e dell'Unione Europea.

Dal primo maggio 2020 è abilitato a nuove capacità e competenze e dall'aprile 2021 ha attuato una profonda ristrutturazione, che pone il Comando al vertice di diversi reparti: il Reparto Operazioni (RO), deputato alla pianificazione e all'impiego del potere aerospaziale, la Brigata Controllo Aerospazio (BCA), attiva nei settori della difesa aerea e missilistica e del traffico aereo, l'Italian Air Warfare Centre (IT-AWC), che fornisce supporto teorico e formativo nei processi decisionali e nella preparazione alle operazioni, il National Air and Space Operations Centre (NASOC), per la conduzione delle operazioni aeree correnti, il Centro Space Situational Awareness (CSSA), che opera a supporto delle attività operative spaziali delle Forze Armate. Dal COA dipendono inoltre il Reparto Supporto Servizi Generali (RSSG), impegnato nei supporti tecnici, logistici ed amministrativi agli enti nazionali e internazionali della Nato e dell'Unione Europea.

(Ferrara Rinasce)

Immagini scaricabili:

foto del sorvolo F-35 foto ravvicinata 3 veicoli in sorvolo foto visita alla mostra