Comune di Ferrara

martedì, 16 aprile 2024.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Alzheimer: il "Progetto multidisciplinare" dell'associazione Ama continua a supportare pazienti e caregiver per rallentare gli effetti della malattia

POLITICHE SOCIALI - Ass. Coletti: "Dal Comune nuovo contributo per garantire continuità agli interventi mirati a migliorare la qualità di vita dei malati sul piano fisico e psicologico"

Alzheimer: il "Progetto multidisciplinare" dell'associazione Ama continua a supportare pazienti e caregiver per rallentare gli effetti della malattia

28-02-2024 / Giorno per giorno

Esercizio fisico, interventi psicologici e stimolazione cognitiva e linguistica. E' un "Progetto multidisciplinare" per rallentare lo sviluppo della malattia di Alzheimer quello su cui Ama - Associazione Malattia Alzheimer odv di Ferrara prosegue il proprio impegno con il sostegno dell'Amministrazione comunale, che su proposta dell'assessore alle Politiche sociali Cristina Coletti, ha destinato all'associazione un contributo di 14.100 euro.

"Continua, instancabile, l'attività multidisciplinare di Ama - dice l'assessore Cristina Coletti - in raccordo con le istituzioni e i servizi sociali e sanitari del nostro territorio, con iniziative che sono mirate a creare, per i malati di Alzheimer, momenti di socializzazione, benessere e aiuto. Il contributo comunale intende garantire continuità agli interventi mirati che, negli ultimi mesi, hanno coinvolto una decina di pazienti per l'esercizio fisico strutturato e più di una ventina per i corsi di stimolazione cognitiva e linguistica, oltre a tre persone under 65 per gli interventi psicologici relativi alla demenza precoce. Previste anche importanti novità come l'utilizzo della realtà virtuale, dei giochi interattivi, degli esercizi di memoria e dei circuiti motori per rendere le attività ancora più efficaci, coinvolgenti e stimolanti, e favorire il movimento, la memoria, la coordinazione e la concentrazione".

In particolare, in tema di esercizio fisico strutturato Ama ha messo in campo una collaborazione con Esercizio Vita Medical Fitness (certificata a livello regionale come "Palestra che Promuove Salute per Attività Motoria Adattata") con programmi di attività personalizzate per persone affette da Alzheimer, impostati da chinesiologi AMPA (Attività Motoria Preventiva Adattata) per favorire il mantenimento delle capacità motorie e cognitive.

Anche i corsi di stimolazione cognitiva, linguistica e musicoterapia chiamati "Laboratorio Benessere" e "Laboratorio Ricordi", hanno la finalità di stimolare e allenare le capacità cognitive legate alla memoria, al linguaggio, all'attenzione e al ragionamento, e ridurre l'isolamento del malato e della sua famiglia contrastando disturbi comportamentali come ansia e depressione.

Gli interventi psicologici e neuropsicologici sulle demenze ad esordio precoce (in età inferiore ai 65 anni) sono invece svolti in collaborazione con l'Unità Operativa di Neurologia dell'Azienda Ospedaliero - Universitaria di Ferrara sia per i pazienti affetti da Alzheimer, con colloqui di sostegno psicologico e stimolazione cognitiva, sia per i carergiver familiari, con colloqui psico-educativi.

"Purtroppo - prosegue l'assessore Coletti - il territorio provinciale ferrarese è, in ambito regionale, uno di quelli con maggiore incidenza di patologie come l'Alzheimer e le altre forme di demenza, con circa 1.800 nuovi casi all'anno in carico al Servizio Sanitario, con tutte le conseguenze che questo comporta sia per i malati che per i loro familiari. Per questo l'Amministrazione comunale continua a sostenere con convinzione l'associazione Ama e tutti i suoi volontari, per l'impegno che ininterrottamente e con competenza mette in campo a supporto dei malati e dei caregiver, per migliorarne la qualità della vita sul piano  fisico e psicologico".

Nella FOTO la presidente di Ama Paola Rossi e l'assessore Cristina Coletti

Immagini scaricabili:

Ama - Coletti - Paola Rossi