Comune di Ferrara

martedì, 16 aprile 2024.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > "La gestione del paziente con esiti da ictus e quali integrazioni sul territorio", un convegno per operatori del settore e caregiver

POLITICHE SOCIALI - Sabato 9 marzo 2024 dalle 9 alle 13, alla sala conferenze di CNA via Caldirolo 84

"La gestione del paziente con esiti da ictus e quali integrazioni sul territorio", un convegno per operatori del settore e caregiver

06-03-2024 / Giorno per giorno

"La gestione del paziente con esiti da ictus e quali integrazioni sul territorio" è il titolo del convegno che è stato presentato mercoledì 6 marzo 2024 nella sala degli Arazzi della residenza municipale di Ferrara, in programma per sabato 9 marzo 2024 organizzato da Esercizio Vita, con il patrocinio, tra gli altri di Comune di Ferrara, Ministero della Salute, Regione Emilia Romagna e Servizio Sanitario Emilia Romagna. All'incontro con i giornalisti sono intervenuti l'assessore comunale alle Politiche sociali Cristina Coletti e il presidente  di Esercizio Vita Luca Pomidori con il vice presidente Michele Felisatti.

"Ringrazio Esercizio Vita per l'attività di sensibilizzazione che svolge. Parliamo di una patologia cerebrale che attiene alla salute pubblica con costi sociali ed economici rilevanti. L'invecchiamento della popolazione impone sguardi prospettici. Parlarne in incontri pubblici è una forma di prevenzione che impone attenzione nell'individuazione dei fattori di rischio e nella promozione di stili di vita corretti. Apprezzo che sia dato valore alla figura dei caregiver, che nel tempo manifestano un bisogno di supporto di cui bisogna tenere conto", il commento dell'assessore comunale alle Politiche Sociali, Cristina Coletti.

In Italia sono circa 120 mila le persone che ogni anno vengono colpite da un ictus. Può essere ischemico o encefalico. E' causato dall'improvvisa ostruzione di un trombo o di un lembo nel primo caso, dalla rottura di un vaso sanguigno che irrora l'encefalo nel secondo. Prevalenza e incidenza dipendono dall'età. A ‘rischio' si è dai 55 anni in poi. La mortalità è del 20-30% a 30 giorni dall'evento e del 40-50% a distanza di un anno. E' infatti la seconda causa di morte, dopo l'infarto, nell'ambito delle patologie cardiovascolari. Il 75% dei pazienti sopravvissuti presenta danni neurologici (del tipo spasticità, disturbi del linguaggio, della memoria, rilassamento muscolare, ndr) e forme di disabilità che nella metà dei casi comporta la perdita dell'autosufficienza.

I trattamenti riabilitativi in senso ampio, se intrapresi per tempo, consentono tuttavia il ripristino di molte funzionalità e una buona qualità della vita. Tra questi rientra la prescrizione di esercizio fisico da parte del medico e programmata e supervisionata dal chinesiologo AMPA.

Di questa ‘metà' si occuperà il convegno organizzato da Esercizio Vita, tra le poche Palestre della Salute accreditate, in programma sabato, dalle 9 alle 13, alla sala conferenze di CNA (di cui è socia, ndr). Non lascia dubbi il titolo, "La gestione del paziente con esiti da ictus", rivolto a medici, infermieri, fisioterapisti, chinesiologici, caregiver. La partecipazione è gratuita.

Tra i patrocini il Comune di Ferrara - "con cui è in corso una consolidata collaborazione", rimarcano Presidente e Vice, Luca Pomidori e Michele Felisatti, -, che per l'iniziativa ha stanziato un contributo di 3mila euro, Ministero della Salute, Regione Emilia Romagna, Ordine dei Medici (programma dettagliato scaricabile in fondo alla pagina).

Suddiviso in tre momenti - saluti istituzionali, relazioni di esperti, tavola rotonda con le associazioni di riferimento - mira a fare luce sullo stato dell'arte delle conoscenze, dei protocolli e dei percorsi riabilitativi. PDTA Ictus nella provincia di Ferrara, presa in carico riabilitativa, attività motoria ed efficacia psicologica. Sono solo alcuni dei temi che saranno approfonditi.

"Il nostro, come Palestra della Salute, è un osservatorio privilegiato - la sintesi di Pomidori e Felisatti -. Abbiamo potuto verificare che l'esercizio fisico aiuta, non solo nella ripresa fisica ma appunto in quella psicologica e dunque relazionale. E' un percorso che richiede un team multidisciplinare. L'accesso al convegno è gratuito e nei prossimi mesi verrà consegnato al Comune un report dell'iniziativa".

>> DOCUMENTAZIONE: programma dettagliato del convegno scaricabile in fondo alla pagina

Immagini scaricabili:

Allegati scaricabili: