Comune di Ferrara

lunedì, 18 gennaio 2021.

Dove sei: Homepage > Lista notizie > 'C'entro in bici': quarantaquattro nuovi cicli per muoversi in città

Salite complessivamente a 140 le biciclette pubbliche a disposizione

'C'entro in bici': quarantaquattro nuovi cicli per muoversi in città

31-05-2010 / Giorno per giorno

Quarantaquattro nuove biciclette pubbliche a disposizione di ferraresi e pendolari in sette luoghi della città. Il progetto "C'entro in bici" accresce il proprio parco mezzi portando a 140 il numero complessivo di due ruote a utilizzo gratuito distribuite in 15 diversi punti del territorio comunale.
L'annuncio è stata dato stamani dal sindaco Tiziano Tagliani e dall'assessore alla Mobilità Aldo Modonesi che, in piazza del Municipio, assieme al presidente della Circoscrizione 1 Girolamo Calò e ai rappresentanti di Ami, Ferrara Tua e Fiab, hanno mostrato a stampa e cittadini alcune delle nuove due ruote in dotazione.
Partito nel 2004 in via sperimentale con 16 biciclette, poi ampliato nel 2005 con l'acquisto di altre 60 biciclette e nel 2006 con ulteriori 20, il progetto, promosso dall'Amministrazione comunale e gestito dalla società Ferrara Tua, ha incontrato fin da subito il gradimento degli utenti.
Come spiegato dall'assessore Modonesi, un recente monitoraggio ha confermato nuovamente l'apprezzamento del servizio da parte dei fruitori e per questo l'Amministrazione ha deciso un altro incremento dei mezzi in dotazione, con l'acquisto di altre 44 biciclette (in 11 rastrelliere da 4 posti ognuna) da dislocare nei vari luoghi della città in cui risulta più agevole, per ferraresi e pendolari, lasciare l'auto, il treno o il bus e prendere la bici.
Una parte dei nuovi cicli servirà a incrementare dotazioni già presenti nei parcheggi ex Mof ed ex Brunelli (20 bici) e nei pressi della stazione ferroviaria (4 bici); mentre la quota restante verrà utilizzata per costituire nuove postazioni a San Giorgio (4), ai Bagni ducali (4), nel parcheggio di viale Volano (8) e in quello di via Putinati (4).
Nato con l'intento di rendere più agevoli ed ecosostenibili gli spostamenti di chi lavora o studia in città, il progetto consente il ritiro delle due ruote grazie a una semplice chiave che si può richiedere nella sede di Ferrara Tua (in via Fossato di Mortara 78) dietro versamento di una cauzione di 8 euro (che verranno resi alla restituzione della chiave), più 2 euro come rimborso spese. Il servizio è in particolare riservato ai cittadini residenti nel comune o nella provincia di Ferrara e a coloro che hanno la propria sede di studio o di lavoro in città. Occorre inoltre essere maggiorenni, oppure, per chi ha già compiuto 15 anni, essere accompagnati, all'atto della richiesta della chiave, da un maggiorenne che convalidi la domanda.
Le due ruote possono essere utilizzate ogni giorno dalle 6 alle 23 e la chiave può essere usata anche per prelevare le bici pubbliche messe a disposizione dalle altre 91 città italiane del circuito 'C'entro in bici' (l'elenco sul sito: www.centroinbici.it).
La spesa di 40.368 euro sostenuta per l'acquisto delle nuove biciclette è stata finanziata per la quota di 21.484 euro con contributo assegnato dalla Provincia nell'ambito del Programma triennale regionale di tutela ambientale e per la quota restante con risorse comunali..

Nuove rastrelliere per le due ruote dei ferraresi
Di prossima attuazione è anche un incremento delle tradizionali rastrelliere distribuite in città per il 'parcheggio' delle biciclette private. L'operazione riguarderà in particolare l'area della stazione ferroviaria e quella di via Cassoli, individuate sulla base delle valutazioni emerse nel corso di sopralluoghi che hanno visto il coinvolgimento di tecnici e operatori del Servizio comunale Infrastrutture e Mobilità, della Polizia Municipale, della Fiab e di Ricicletta.

"Mi muovo in bici"
L'Amministrazione sta inoltre procedendo, in sinergia con la Regione e una serie di altri Comuni dell'Emilia Romagna, con l'attuazione del progetto regionale di 'bike sharing & ride' "Mi muovo in bici". In programma l'installazione nei pressi della stazione ferroviaria e in altri punti strategici della città, di cinque nuove postazioni di biciclette pubbliche a disposizione dei possessori di titoli di viaggio "Mi Muovo".