Comune di Ferrara

sabato, 19 ottobre 2019

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Premio "New Voices" a Nedda Alberghini e Brigitte Ostwald

FORMAZIONE E PARI OPPORTUNITA' - Riconoscimento per l'impegno a favore delle fasce più deboli nell'ambito della manifestazione "Anime senza voce"

Premio "New Voices" a Nedda Alberghini e Brigitte Ostwald

20-09-2019 / Giorno per giorno

Si è svolta oggi (venerdì 20 settembre 2019) nella sala del Consiglio comunale del Municipio di Ferrara la cerimonia di consegna del premio "New Voices" a Nedda Alberghini e Brigitte Ostwald. Il riconoscimento rientra tra le iniziative della manifestazione "Anime senza voce" dedicata alle espressioni artistiche capaci di dare voce alle vittime di abusi minorili.
All'incontro erano presenti l'assessore alla Pubblica istruzione, Formazione e Pari opportunità Dorota Kusiak, la presidente del Lions Club Ferrara Diamanti Anna Maria Quarzi e Giorgio Ferroni del Lions, la presidente della Commissione Pari opportunità del Comune Paola Peruffo e la classe 5/A di Arti figurative del liceo Dosso Dossi di Ferrara con l'insegnante di discipline pittoriche Simona Rondina che, con un video realizzato nello scorso anno scolastico, ha vinto il concorso "5 pagine bianche" 2019 sul tema dell'accoglienza delle diversità e del contrasto alle discriminazioni di genere.
L'assessore Kusiak si è complimentata con i ragazzi per "il video molto toccante" e con le premiate Nedda Alberghini e Brigitte Ostwald "per l'impegno davvero notevole che viene portato avanti da Nedda Alberghini - con l'associazione 'Le case degli angeli di Daniele' e il 'Premio Internazionale Daniele Po' dedicato a donne che lottano in diversi ambiti per rendere il mondo migliore - e da Brigitte Ostwald che vuole dare voce ai bambini che hanno subito violenze". La Peruffo ha infine ribadito la "necessità per tutti di sentirsi cittadini impegnati a combattere contro le violenze, con un'attenzione particolare per le fasce più deboli".

Premio "New Voices" a Nedda Albeghini e Brigitte OstwaldLE SCHEDE a cura degli organizzatori
NEDDA ALBERGHINI è la fondatrice e presidente dell'associazione "Le case degli angeli di Daniele Po" creata nel 1998 in memoria del figlio disabile morto sulla strada a soli 22 anni. E' un'associazione umanitaria che opera a livello mondiale il cui intento iniziale era di creare strutture per bambini disabili nei paesi più poveri del mondo senza distinzione di razza, religione e cultura, ma che si è subito allargato aprendosi a tutte le realtà più bisognose, privilegiando bambini, donne vittime di violenze e discriminazioni e anziani malati in gravi difficoltà.

Nel 2007 ha istituito anche il "premio internazionale Daniele Po", assegnato a personaggi di alto profilo umano, sociale, politico. Dal 2012 diventa un Premio al femminile dedicato alle donne che combattono della cause importanti, dai diritti umani alla difesa dell'ambiente.
Nella nostra città , dal 2008, l'associazione "Le Case degli Angeli di Daniele" di Cento, ha realizzato una costante, positiva e fruttuosa collaborazione, che ha permesso al Comune di Ferrara di ospitare nei propri Istituti Superiori personaggi pubblici di fama internazionale, permettendo agli studenti e ai docenti di rapportarsi direttamente con i testimoni di fatti di cronaca attuali e di indiscusso valore civile ed etico.
Nel 2014 nasce il progetto "Università della Vita per una nuova Umanità" come risposta all'esigenza e al desiderio di contribuire alla crescita educativa e formativa, specialmente delle giovani generazioni, volta allo sviluppo di personalità attive e consapevoli del proprio ruolo e della propria responsabilità come cittadini del mondo. Sul modello della prima , che ha sede presso l'associazione, oggi formano una rete internazionale altre Università della Vita le quali, pure accomunate dalla medesima finalità di "formazione delle coscienze" presentano diverse connotazioni in accordo con la propria storia, cultura e visione del mondo. Attualmente le Università della Vita sono presenti Ecuador, Perù e Repubblica Democratica del Congo.
BRIGITTE OSTWALD è un'artista internazionale, nata in Austria, presidente dell'associazione "Anime Senza Voce", creata allo scopo di unire il mondo dell'arte ad uno dei fenomeni più tristi che riguarda, senza fare sconti, tutto il mondo: l'abuso minorile. Le testimonianze delle vittime devono essere raccontate. Il mondo dell'arte può, quindi, essere un ottimo canale per divulgare a macchia d'olio questi racconti.
L'associazione " Anime Senza Voce" è stata creata con l'obiettivo di diffondere i messaggi di coloro che hanno subito abusi nell'età dell'innocenza, attraverso l'organizzazione di apposite mostre d'arte, alle quali sono invitati a partecipare artisti nazionali e internazionali. Un momento questo, associato ad un'asta benefica delle varie opere messe in mostra, al fine di sostenere associazioni benefiche e Onlus.

Nella foto in alto - scaricabile in fondo alla pagina insieme alle altre che documentano la consegna del premio "New Voices" - da sinistra Brigitte Ostwald premiata con la targa, la presidente del Lions Club Ferrara Diamanti Anna Maria Quarzi, l'assessore Dorota Kusiak e Nedda Alberghini  con il riconoscimento.

Immagini scaricabili:

Premio "New Voices" a Nedda Albeghini e Brigitte Ostwald - Ferrara, 20 settembre 2019 Premio "New Voices" a Nedda Albeghini e Brigitte Ostwald - Ferrara, 20 settembre 2019 Premio "New Voices" a Nedda Albeghini e Brigitte Ostwald - Ferrara, 20 settembre 2019 La classe 5/A di Arti figurative del liceo Dosso Dossi di Ferrara