Comune di Ferrara

lunedì, 21 settembre 2020

Dove sei: Homepage > Lista notizie > Nella Palazzina ex Mof il punto di ascolto per gli 'azzerati Carife'

GIUNTA COMUNALE - TEMPORANEAMENTE SOSPESA l'iniziativa delle associazioni appoggiata dal Comune fino ad aprile 2020

Nella Palazzina ex Mof il punto di ascolto per gli 'azzerati Carife'

01-10-2019 / Giorno per giorno

>> AGGIORNAMENTO del 10 marzo 2020 a cura della rete delle associazioni "Progetto Azzerati" - Gli sportelli informativi Azzerati Carife e "Bonus Fiscali", previsti rispettivamente nelle mattine del mercoledì e del giovedì presso l'ex-Mof (viale Isonzo 137, Ferrara) resteranno chiusi al pubblico fino al 3 aprile 2020 a seguito del DCPM 9 marzo 2020 "misure di emergenza per il contenimento del Coronavirus".
L'apertura degli sportelli era prevista fino ad aprile 2020 nelle mattinate dei mercoledì 5, 12, 19, 26 febbraio, 4, 11, 18, 25 marzo e 1, 8, e 15 aprile 2020, dalle 9 alle 12.30 secondo la delibera di Giunta del 04-02-2020.

 

>>AGGIORNAMENTO del 28 ottobre 2019 - Le Associazioni che hanno aderito all'organizzazione del punto di ascolto "azzerati" alla Palazzina Ex Mof (Corso Isonzo - Ferrara), riceveranno nella giornata di MERCOLEDI' dalle 9 alle 12.30 (senza appuntamento) con termine alla fine di DICEMBRE 2019.

Da Cronacacomune dell'1 ottobre 2019
Ferrara, 1 ottobre 2019 - Sarà ospitato, gratuitamente, in una sala al piano terra della Palazzina ex Mof di corso Isonzo, il punto di ascolto per i cosiddetti 'Azzerati Carife', gestito dalle Associazioni Lega Consumatori Ferrara, Federconsumatori Ferrara e Adiconsum Ferrara. Lo sportello, come disposto dalla Giunta, sarà aperto nelle sole giornate del mercoledì mattina nei mesi di OTTOBE, NOVEMBRE E DICEMBRE 2019, dalle 9 alle 12.30 (orario aggiornato il 28-10-19), e fungerà da punto di accoglienza e informazione aperto a qualsiasi cittadino interessato e non ai soli soci e membri delle tre associazioni.

L'iniziativa si inserisce sul solco delle 'Linee programmatiche del Mandato del Sindaco', nelle quali è evidenziato che occorre ricreare le condizioni di rilancio dell'economia locale, gravata anche dalla gestione della vicenda Carife, al fine di ricollocare la città all'interno di un sistema regionale e nazionale in cui si possano sviluppare tutte le potenzialità che l'identità cittadina esprime.

In più occasioni l'Amministrazione comunale ha incontrato le associazioni che si sono attivate a tutela degli 'azzerati Carife' per sostenere, come segno tangibile di vicinanza e di sostegno del Comune di Ferrara alla cittadinanza e per promuovere tutte le iniziative che concretamente si possono attuare e che sono finalizzate all'ottenimento del rimborso stabilito per gli azionisti e obbligazionisti dell'ex Carife, mediante accesso al FIR (Fondo di Indennizzo Risparmiatori). Le tre associazioni cittadine hanno quindi aderito alla volontà del Comune di creare un punto di ascolto aperto a tutti i ferraresi e non solo che siano stati danneggiati dalla vicenda Carife.